Casino su internet – Casinò online migliori italiani

Guida italiana per gicoare con tutti i migliori casino online legali. Tutti i casinò on line con ricchi bonus gratis subito

febbraio 28th, 2014

Chiunque “frequenti” il mondo del gioco d’azzardo sa perfettamente che quando ci si entra è perchè ci si vuole mettere in competizione con “la macchina”, perchè ci si vuole divertire, e perchè si vuole sfidare la fortuna: insomma in pratica ci si vuole misurare con la macchina e scaricare un po’ di adrenalina per…. sentirci meglio! Molti sono i giochi interessanti che si trovano sul mercato, sia terrestre che online, e molti altri invece non lo sono almeno per quello che riguarda la “crescita” delle persone. Molti sono i giochi che evidenziano le “negatività” del nostro tempo come individualismo, competizione, guadagno: ovviamente quelli più interessanti sono quelli che “allargano” le vedute rispetto ai clichè imposti dal nostro tempo.

Ma la realtà è che i giochi che più suscitano attrazione sono quelli che sfidano la nostra capacità: ognuno ha il desiderio di essere bravo quindi quando si trova un gioco che ci mette in competizione scattano dei meccanismi di sfida verso sé stessi, per vedere qual’è il proprio limite e vedere sino a che punto si può arrivare. E quindi ad alcuni giochi ci si affeziona di più che ad altri sopratutto a quelli dove emergono aspetti che al giocatore piace dimostrare, ma in fondo il fine è sempre lo stesso: si gioca per giocare, perchè piace, perchè ci si sfida, perchè si rischia, perchè ci si diverte e cosa comporta questo? Divertimento, rassicurazione, conoscere i propri limiti, sfidarsi: insomma passare con noi stessi ed il gioco del tempo sereno e senza angosce.

luglio 31st, 2013

A nostro parere la “cosa” principale sono iniziative a sostegno delle famiglie che hanno il problema della “ludopatia” che è divenuto ormai purtroppo un “disturbo” sempre più presente del nostro “sociale”. L’espandersi a macchia d’olio delle macchinette da intrattenimento, sia poker che Vlt, ha creato tantissimi giocatori -sia in erba che veterani- che “usufruiscono” di tale divertimento: taluni si divertono solo il che va bene, anzi benissimo, ma altri ne subiscono “troppo il fascino” sino a diventarne quasi dipendenti ed a entrare in un “tunnel di disagio”. Bene, quindi, quando si prendono iniziative come sta facendo la Regione Lazio su questo delicato problema di disagio discendente dal gioco compulsivo attenendosi il più strettamente possibile al decreto Balduzzi facendo rispettare rigorosamente la collocazione delle sale da gioco lontano da aree sensibili come scuole, centri sociali, ospedali, oratori e qualsiasi altro centro di aggregazione.
Ovviamente dovrà essere rispettato anche chi ha investito danaro in questa attività proprio nella Regione Lazio, numerosi circoli di texas hold’em live ed  anche diverse gaming hall -sale slot e VLT- che sono intenzionate a proporre tornei freeroll saranno anch’essi tenuti a rispettare distanze da luoghi sensibili considerando che dalla terza sezione penale della Corte di Cassazione i tornei senza rebuy non sono ritenuti giochi d’azzardo? Noi crediamo e speriamo che la direttiva di legge abbia un unico fine-scopo: quello della tutela dei giocatori per non farli incorrere nella “ludopatia” disturbo attuale del nostro tempo che speriamo possa essere “tenuto sotto controllo” anche magari con incentivi “un po’ drastici” come quello di “premiare” chi rimuove o non installa apparecchi di intrattenimento.

luglio 10th, 2013

Il processo di privatizzazione dell’OPAP sta creando non poche discussioni, preoccupazioni ed altalenanti domande sulla sua “regolarità” nel termine più ampio della parola. Quindi alla Commissione Europea si chiedono chiarimenti sul bando di gara e sulla sua organizzazione e se il tutto sia stato svolto nel “rispetto di tutti”.

L’europarlamentare dell’ALDE Theodoros Skylakakis si è fatto portavoce di un’interrogazione parlamentare alla Commissione Europea per chiedere chiarificazioni in merito alla gara per la privatizzazione dell’OPAP, sulla sua organizzazione per i provider di tecnologia di OPAP che ha destato dubbi e problemi seri e la conseguenza di queste incertezze ha creato proteste da parte di chi ha acquisito la quota pubblica in OPAP.

Questa privatizzazione indubbiamente è “importante” e “fa girare” tanti quattrini per il consolidamento fiscale greco: da qui la necessità di comprendere se il bando di gara per la fornitura di tecnologia dell’OPAP sia disciplinato o meno dalla normativa comunitaria e se le procedure precedenti tra OPAP ed i service privider siano state disciplinate dal diritto comunitario. La stampa greca ha più volte sottolineato che nel bando di gara per la privatizzazione “qualcosa sfuggiva” senz’altro.

Le procedure messe in atto per la privatizzazione di OPAP hanno creato non solo preoccupazione, perplessità e “sospetti” ma hanno creato un procedimento penale avviato dalle autorità giudiziarie greche.

maggio 23rd, 2013

I casinò online rappresentano al momento le piattaforme più ricercate da parte di tutti coloro i quali interagiscono sulla rete per intrattenersi con delle forme di intrattenimento che siano divertenti, emozionanti e in grado di regalare delle buone vincite di premi in denaro.
Sono davvero tanti gli utenti che si sono avvicinati, soprattutto negli ultimi tempi, al mondo del gambling online. Non tutti gli utenti conoscono le corrette procedure che consentono di accedere alle piattaforme di gioco registrando un account. Spesso si incappa in situazioni poco piacevoli proprio perché non si conosce la natura dei casinò online, la loro provenienza, il loro grado di affidabilità.
Per questo motivo, noi, in questo articolo, proveremo a percorrere un iter che consente all’utente di percorrere le tappe più significative che portano alla registrazione di un account di gioco per interagire nell’ambito della piattaforma di gioco prescelta.

Quando si è alle prime armi, si commette il grave errore di considerare i casinò online tutti uguali, perché tutti in grado di assicurare lo stesso livello di sicurezza. Purtroppo non è così.
Infatti, vi sono dei casinò, soprattutto quelli con il suffisso.com, che potrebbero nascondere delle insidie che mettono a rischio gli interessi degli utenti. Per tale ragione, secondo il nostro modesto parere, la miglior cosa da fare è affidarsi al gioco legale, regolato da norme dello stato, in grado di conferire le giuste tutele al giocatore, ponendolo al riparo da eventuali truffe.
Gli unici contesti di gioco in grado di offrire un adeguato livello di sicurezza agli utenti sono i casinò con licenza per il gioco a distanza rilasciato dall’Aams, che è il Monopolio di Stato, il quale vigila affinché ogni società concessionaria rispetti le norme che regolano il gioco d’azzardo online e che ne hanno consentito la sua legalizzazione. I casinò online Aams sono dei contesti di gioco molto sicuri, in grado di generare al 100% risultati di gioco in modo del tutto casuale e di offrire delle percentuali di vincita molto elevate che superano il 90%. Così viene garantita la ridistribuzione di buona parte della raccolta sotto forma di vincite in favore degli utenti vincitori. Inoltre, all’interno dei casinò online Aams vi sono tanti giochi tradizionali, di ultima generazione e delle forme di intrattenimento innovative come i servizi di gioco del casinò dal vivo oppure quelli dedicati a giocatori in possesso di dispositivi mobili.

Registrarsi in un casinò online Aams è molto semplice e veloce. Infatti non bisogna fare altro che inserire nei campi appositi del modulo di registrazione tutti i dettagli personali, il codice fiscale, il numero di documento, l’indirizzo mail. Inoltre, in alcuni casi, bisogna scaricare una copia del contratto di gioco da inviare tramite mail sottoscritto. Tutti i casinò online, ai fini della convalida del conto gioco, richiedono l’invio, entro 30 giorni dall’iscrizione, di un valido documento d’identità usato nella registrazione.
In questo modo, grazie alla convalida del conto gioco, si ha la possibilità di prelevare le eventuali vincite conseguite.

maggio 23rd, 2013

Le Videolottery sono delle macchinette disponibili in tutte le sale da gioco terrestri che sono in possesso della licenza rilasciata dal Monopolio Italiano. Pertanto stiamo parlando di giochi che fanno parte della categoria di forme di intrattenimento lecite e regolate dallo Stato. Almeno nell’apparenza è così.
Questa categoria di giochi per caratteristiche di cui è in possesso può essere assimilata alle Slot machine online, anche se per alcuni aspetti, tipici del gioco in versione offline se ne discosta parecchio.
Al fine di mettere in evidenza i principali aspetti che dividono il mondo del gioco terrestre da quello in versione online, in questo articolo proveremo a confrontare le Videolottery praticabili nelle sale da gioco in modalità offline e le Slot online Aams che al momento stanno spopolando sul web.
Prima però, cercheremo di evidenziare le principali caratteristiche delle Videolottery.

Le Videolottery sono delle macchinette che per struttura e sul piano dello svolgimento del gioco sono assimilabili alle Slot machine. Esse presentano dai 3 ai 5 rulli, tante linee di pagamento ( in media 20-25) su cui piazzare le scommesse, ma anche tante risorse di gioco grazie alle quali realizzare agevolmente delle combinazioni vincenti e decuplicare il valore delle vincite conseguite, come i Simboli Jolly, simboli Sparsi, Giri Gratis, Giochi bonus, Funzioni speciali che cosnentono di raddoppiare o addirittura quadruplicare il valore delle vincite conseguite durante il gioco principale. Le grafiche di gioco sono di grande qualità e gli effetti sonori e le musiche di sottofondo sapranno catapultare il giocatore nell’ambito di un contesto di gioco particolarmente incandescente. Le stesse risorse, com’è noto, sono disponibili anche nelle Slot machine online Aams. Le Videolottery, inoltre, come anche diverse Slot online Aams presentano un Jackpot progressivo il cui valore aumenta man mano incrementa il volume complessivo delle scommesse eseguite dagli utenti, arrivando a toccare delle cifre davvero elevate.
Le percentuali di vincita delle Videolottery non sono elevatissime, ma comunque consentono la ridistribuzione di una parte della raccolta. Esse, infatti, in media si aggirano intorno al 70-75%.
Tutte le Videolottery sono alla portata di chiunque, se si considera che il valore della scommessa minima è pari a 0,50 euro e quello della scommessa massima, invece, si aggira intorno ai 100-150 euro.

Molti giocatori, soprattutto da quando sono state introdotte le Slot online Aams con soldi veri, preferiscono il gioco online a quello terrestre. Questo perché esso presenta diversi vantaggi, come quello di giocare come e quando si desidera, in qualunque luogo (anche dal proprio dispositivo mobile), sfruttando al massimo i bonus e le promozioni offerte dai casinò online legali e potendo contare sulla sicurezza e la casualità dei risultati di gioco generati da software costantemente controllati dall’Aams.
Le percentuali di vincita (del 96-98%) sono molto elevati e assicurano la ridistribuzione di buona parte della raccolta. Le Videolottery, purtroppo possono essere soggette a manipolazioni da parte dei gestori che danno vita a delle truffe ai danni dei giocatori. Non tutte le macchinette sono così, ma purtroppo tale fenomeno è presente in tutto il territorio del nostro paese.

maggio 23rd, 2013

Con 1.340.000 dollari vinti durante l’APT Manila Millions, è il giocatore americano Joseph Cheong ad arrivare a circa 2 milioni vinti nel 2013 posizionandosi al 3° posto della Money List 2013. Sono già 5 gli ITM in questa annata per lui ed è quasi riuscito a vincere un braccialetto durante l’High Roller Rebuy alle World Series of Poker Asia-Pacific (WSOP APAC) portando a casa 534.776$.

Nel 2013 non sono in molti ad aver fatto meglio di lui. Si tratta di Scott Seiver e Sam Trickett. Rispettivamente 2.235.159$ ed il giocatore inglese invece  2.365.397$. Per lo statunitense 7 ITM fino a questo momento e si è aggiudicato il Super High Roller alle PokerStars Caribbean Adventure (PCA) nella incredibile location di Paradise Island. Una vittoria da oltre 2 milioni di dollari!

Trickett ha vinto il Challenge dell’Aussie Millions Poker Championship ed è poi arrivato 2° alla PartyPoker Premier League Poker VI nella città di Londra. Subito dietro questi fenomeni troviamo un giocatore bulgaro di grande spessore come Dimitar Danchev con  1.907.053$.

Ecco i migliori nel 2013:

Sam Trickett – $2.365.397
Scott Seiver – $2.235.159
Joseph Cheong – $1.952.300
Dimitar Danchev – $1.907.053
Mervin Chan – $1.692.813
Tobias Reinkemeier – $1.656.563
Igor Kurganov – $1.504.402
David Sands – $1.503.003
Daniel Shak – $1.498.141
Philipp Gruissem – $1.478.055
Vanessa Selbst – $1.424.420
Paul Volpe – $1.350.371
Joel Micka – $1.198.640
WeiKai Chang – $1.138.350
Daniel Negreanu – $1.136.256

maggio 23rd, 2013

E’ divenuto urgente studiare e definire delle iniziative che regolamentino il pagamento delle spettanze dovute all’ippica.
Ormai questa nostra eccellenza, purtroppo, è in un declino che sta diventando irreversibile se non si prenderanno al più presto delle iniziative che diano una soluzione rapida relativamente alle spettanze dovute. Nella sedicesima legislatura si erano aperte le speranze con un progetto chiamato “Unione Ippica” che ci si augura possa essere ripescato e che possa trovare una veloce condivisione.

Ora alcuni parlamentari del PD hanno presentato un’interpellanza al Ministero delle Politiche Agricole per arrivare a conoscere quali iniziative si possano adottare per regolamentare il pagamento delle spettanze dovute all’ippica oppure se non sia più opportuno una nuova organizzazione del settore dell’ippica riallacciandosi ad alcuni lavori svolti nella precedente legislatura dalla Commissione Agricoltura. I deputati affermano che dall’agosto del 2012 non sono stati corrisposti dal Mipaaf le spettanze dovute alla filiera ippica relative ai premi 2012-2013.

E’ stato questo uno dei motivi che ha portato questa nostra eccellenza in un precipizio che si teme non abbia ritorno. L’ippica è in grado di produrre un indotto economico capillarmente distribuito su tutto il territorio e privarci anche di tale eccellenza sarebbe un suicidio oltre che portare tantissime persone allo sbando lavorativo e cancellare dal ricordo degli amanti di questa categoria premi e concorsi che hanno reso la nostra Nazione conosciuta in tutto il Mondo.